Gli americani non vogliono più lavorare #2

L’articolo del New York Times di cui si parlava nel post precedente ha anche qualche altro riferimento all’Italietta in cui, oltre che di precarietà, si è molto discusso di indulto. Contrariamente a quanto avevo messo in evidenza nel precedente post, non tutti gli americani che hanno perduto l’etica del lavoro sono benestanti o quasi. Ce ne sono molti messi maluccio. E’ il caso degli ex-detenuti.

Negli Stati Uniti, negli anni 80 e 90, il problema del traffico di droga è deragliato a causa del crack. L’arrivo di una nuova dipendenza di massa ha sconvolto il mercato, ha messo in discussione imperi economici malavitosi ma consolidati e ha moltiplicato la violenza di strada e il numero di detenuti, giunto a livelli record. La dinamica della delinquenza nei ghetti americani è legata più a questi “fondamentali economici” che ai programmi polizieschi di “tolleranza zero”, come raccona bene Loic Wacquant. In questi anni, molti di quei detenuti sono tornati in libertà, ma hanno già perso la speranza di trovare un lavoro (o magari ne hanno trovato uno illegale). Tolleranza zero, no future.

PS L’Italia spende quanto e più della Finlandia per ogni detenuto (131 a 122 euro al giorno) ma le carceri italiane sono degradanti. In Finlandia, i detenuti possono uscire in permesso per assistere agli spettacoli, passare fino a 4 giorni con la famiglia in appositi appartamenti privati, e ci sono state solo 19 evasioni nel 2004. Il numero dei detenuti in Finlandia è il più basso d’Europa (52 detenuti ogni centomila abitanti, la metà che in Italia).

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: