Svizzera #1 – Le tigri asiatiche

Ed eccoci in Svizzera. Viaggio in cuccetta, in compagnia di due sorelle coreane. La sorella maggiore e cicciottella mi chiede a bruciapelo: ti piace mia sorella? Penso le cose peggiori del mondo e esito a rispondere. Lei ride, mi dice che in Europa ci provano tutti con la sorella e voleva fare un test. Gli dico che anche io ho un fratello minore molto seducente, così scambiamo quattro chiacchiere. Ho l’impressione di essere la prima persona con cui chiacchiera da quando è in vacanza in Europa. Chiedo cosa si faccia la sera in Corea. Lei, studentessa di Seoul, dice che la sera si studia fino a notte fonda, quindi non si esce. Loro, però, in vacanza a Roma non hanno messo il naso fuori di casa la sera per paura dei ladri (sic), quindi penso che siano un caso borderline. Ci facciamo una foto digitale nel corridoio del treno, poi a nanna. Arrivato in Svizzera (con tre ore di ritardo, perché i treni svizzeri sono precisi come gli orologi), faccio la conoscenza di alcuni studenti cinesi, qui per un soggiorno temporaneo. Chiedo cosa si faccia di sera a Pechino. Stessa risposta: i giovani non escono, studiano tutta la notte. Ok, capito.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: